Valutare il proprio sito web: 3 strumenti empirici

STANCO DEI SOFTWARE? ECCO 3 SISTEMI PRATICI PER VALUTARE IL TUO SITO

Valutare il proprio sito webIl web pullula di articoli e tutorial che spiegano come valutare il proprio sito. Peccato che nessuno abbia mai pensato di rivolgersi ai non addetti ai lavori parlando dello stesso argomento senza tirare in ballo complicati software e plug-in. Anche perché questi strumenti, spesso, svolgono un lavoro settoriale, ovvero analizzano una performance in particolare (velocità di caricamento delle pagine, link rotti, ecc). Anche noi abbiamo colto l’occasione e abbiamo affrontato il tema con il recente articolo sui 5 strumenti per analizzare siti e blog. È importante però ricordare sempre che a monte di tutto ci può sempre essere una prima analisi empirica, basata sull’esperienza e sul buon senso. In questo post vogliamo darvi qualche dritta per riconoscere subito i punti di forza e le debolezze di qualunque sito, il vostro o quello dei concorrenti.

1) VALUTARE IL PROPRIO SITO A LIVELLO DI COMUNICAZIONE

Il primo test empirico che possiamo fare per valutare il nostro sito web è soffermarci sulla comunicazione e nello specifico sui testi. L’idea che nessuno legga mentre naviga è sbagliata, basti pensare che Google è un motore di ricerca semantico e il suo funzionamento dipende per larga parte dalle parole. Concentriamoci dunque sul slogan, payoff, titoli, sottotitoli e testi presenti in Home Page, nelle pagine servizi e nella pagina Chi siamo (About). È qui che si gioca la nostra capacità di persuadere e convincere l’utente che ha trovato ciò che stava cercando.

2) VALUTARE IL PROPRIO SITO A LIVELLO DI NAVIGAZIONE MOBILE

Se è vero come è vero che sempre più persone navigano da dispositivi mobile (tablet e smartphone in primis), ciò significa che una buona parte del nostro traffico arriva – o potrebbe arrivare – da questi dispositivi. Una verifica empirica per valutare la qualità del proprio sito è quella di connettersi dal telefonino o da altri strumenti compatti (ad esempio gli ereader con accesso a Internet). Valutiamo quindi la navigabilità e usabilità del nostro sito da mobile osservando se le pagine si aprono in modo corretto e i contenuti si presentano allineati, con le immagini e i testi al posto giusto rispetto alle dimensioni dello schermo. In proposito vedi anche i 5 tool per visualizzare il tuo sito in versione mobile.

3) VALUTARE IL PROPRIO SITO A LIVELLO DI LEAD GENERATION

La lead generation è o dovrebbe essere l’obiettivo di qualsiasi business online. Con questa formula viene indicata la conversione del visitatore da utente in cliente. L’acquisto di un prodotto, la compilazione di un modulo, la prenotazione di una camere, tutti questi sono lead che vanno generati grazie al sito. Fondamentale è mettersi nei panni dell’utente e analizzare con occhio critico il percorso che ci porta al lead. Proviamo a effettuare un acquisto o inviare un’email di richiesta e domandiamoci se siamo soddisfatti delle tempistiche e della facilità con cui abbiamo risolto i nostri dubbi. Anche in questo caso le sorprese non mancheranno!