5 strumenti per analizzare siti web e blog

DA ANALYTICS A BACKLINK WATCH, GLI STRUMENTI DI ANALISI MIGLIORI

strumenti di analisi siti web e blogOnline sono disponibili numerosi strumenti per analizzare siti web, ecommerce, blog e portali. Alcuni soni gratuiti, altri a pagamento, alcuni consentono il monitoraggio di una metrica particolare, altri effettuano un’analisi a 360° dell’intero sito. Ogni SEO e web marketer che si rispetti ha i suoi strumenti di analisi preferiti, ma ce ne sono alcuni che è importate conoscere al di là delle esperienze personali di ciascuno. Noi abbiamo scelto 5 piattaforme e tool noti e meno noti, funzionali all’analisi di quelli che riteniamo gli aspetti più importanti di un sito web o di un blog. Cominciamo dallo strumento di analisi per eccellenza: Google Analytics.

  1. GOOGLE ANALYTICS PER LE ANALISI DEL TRAFFICO E NON SOLO

    Dal numero di sessioni agli utenti, dalle visualizzazioni di pagine alla durata media di ciascuna sessione, dalla frequenza di rimbalzo ai visitatori di ritorno, dai siti referral al browser utilizzato dagli utenti. Google Analytics consente di verificar questi e altri parametri. Per attivare il proprio account, oltre ad avere una casella di posta gmail, occorre inserire nel sito il codice HTML che viene creato e fornito una volta iscritti.

  2. GOOGLE SEARCH CONSOLE PER GLI ASPETTI TECNICI

    Amministrare un sito web in modo professionale significa monitorare di continuo le tante variabili in gioco. Google Search Console, ex Web Mastertool, consente a chi gestisce un sito di controllare una serie di aspetti tecnici quali la sitemap, i robot.txt, le penalità manuali in essere, le keyword di ricerca, le query digitate dagli utenti per trovare il sito su Google e tantissimi altri ancora. Anche in questo caso il servizio è gratuito: per utilizzarlo basta avere una casella di posta gmail.

  3. BACKLINK WATCH PER CONOSCERE I LINK IN ENTRATA

    Un tool semplice, veloce, gratuito, facilissimo da utilizzare. Si inserisce l’url del sito o del blog e il software effettua una ricerca automatica dei link in ingresso. Utilissimo per avere un quadro completo della link building e quindi migliorare la situazione di conseguenza. I risultati compaiono sotto forma di lista nel giro di qualche minuto nella stessa pagina in cui abbiamo inserito l’url. Non occorre iscriversi.

  4. W3C LINK CHECKER PER INDIVIDUARE LINK ROTTI E ALTRI PROBLEMI

    Se Backlink Watch analizza i link in entrata, W3C Link Checker permette di individuare i link “rotti”, i reindirizzamenti mancanti, gli status 500 del server, le bad request e altre innumerevoli problematiche legate al codice del sito e del blog. Come gli altri W3C Link Checker è accessibile in qualsiasi momento senza bisogno di alcuna sottoscrizione. Il bello di questo strumento è che oltre a individuare i problemi suggerisce anche le soluzioni per risolverli.

  5. WOO RANK PER ANALISI COMPLETE E IMMEDIATE

    Concludiamo questa panoramica degli strumenti per analizzare siti web, ecommerce, blog e portali con Woo Rank, una piattaforma che è anche un add on (estensione) per browser. In pratica si accede a un url, si preme invio e si attende l’analisi. Nella colonna di sinistra vengono forniti risultati sotto diversi aspetti, dai social media all’ottimizzazione, dal keyword cloud alla velocità su mobile. E voi, quali strumenti usate per l’analisi del vostro sito?