Le migliori keyword per il tuo sito [parte I]

a cura di Matteo D’Agostino, Esperto Internet Marketing
laureato in Filosofia ed in Informatica umanistica alla Ca’ Foscari di Venezia, si è specializzato in web marketing alla University of California Irvine e all’Oxford College of Marketing.

SCEGLIERE LE MIGLIORI KEYWORD E AUMENTARE IL TRAFFICO

migliori keywordIn diverse occasioni abbiamo spiegato quanto sia importante pubblicare contenuti ottimizzati (in forma di pagine o news del blog) per aumentare il traffico organico in entrata. Oggi vi spiego come scegliere le migliori keyword da usare all’interno di questi contenuti e quindi del proprio sito. La regola generale è che più una combinazione di parole è breve, più è difficile posizionarla su Google. Viceversa, se la combinazione è molto lunga, anche un semplice articolo ottimizzato potrà farvi salire in prima pagina. Se abbiamo ad esempio un ecommerce di abbigliamento e vogliamo studiare un piano editoriale di contenuti (con relative parole chiave) per la nostra sezione news, dovremo orientarci su keyphrase come “pigiama uomo cotone felpato” piuttosto che su keyword come “pigiama uomo”.

Un aiuto in questo senso ce lo dà prima di tutto il nostro intuito e, in un secondo momento, la funzione Google Suggest del motore di ricerca omonimo. Combinazioni più ricercate verranno infatti suggerite in automatico nella casella di Google, per cui se arriviamo a scrivere “pigiama uomo”, vedremo che il completamento indica, tra le altre, la parola “cotone”. Se poi lasciamo un ulteriore spazio dopo “cotone”, vedremo comparire le opzioni “felpato”, “lungo” e “ebay”. Tre ottimi candidati per costruire il nostro articolo seguendo le regole della seo.

SCEGLIERE LA KEYWORD IN BASE ALLA CONCORRENZA

Altra variabile da tenere in considerazione è la concorrenza. Che il nostro sito (o blog) tratti di argomenti generici (sostenibilità ambientale piuttosto che arredamento per la casa) o specifici (auto elettriche piuttosto che mobili in bambù), dovremo evitare di scegliere parole molto concorrenziali, puntando in alternativa sui cosiddetti “vuoti di ricerca”. Dopo aver individuato la keyphrase, dunque, verifichiamo se nella prima pagina di Google sono presenti molti risultati con titolo, anteprima e url ottimizzati per quella chiave di ricerca. Se pochi siti hanno già sfruttato la parola chiave, siamo ancora una volta sulla strada giusta! Nella seconda parte dell’articolo, vedremo insieme altri suggerimenti validi per trovare sempre la parola chiave migliore.

Cerchi qualcuno che possa ottimizzare il tuo sito? Contattaci subito!